Terremoto del Belice. Mostra fotografica

Presso la Biblioteca Fardelliana di Trapani si ricorda il Cinquantesimo Anniversario del TERREMOTO DEL BELICE

 

Con la partecipazione del dott. Francesco Messineo, Commissario Straordinario del Comune di Trapani, di Margherita Giacalone, direttore della Biblioteca Fardelliana di Trapani, di Franco Baldi e Anna Maria Lo Castro, coautori del libro “La tarantella fango”, verrà ricordato il Cinquantesimo Anniversario del Terremoto del Belice.

 

Per l’occasione la Confederazione Italiani nel Mondo ha donato la stampa di originali fotografici della Biblioteca Fardelliana e del fotografo Franco Baldi.

Con le suddette foto è stata allestita una mostra fotografica con scatti prodotti nei giorni seguenti il grande cataclisma del Belice 1968.

 

Il terremoto del Belice avvenne la notte tra il 14 e il 15 gennaio 1968 e tutta la Sicilia occidentale tremò: una scossa violentissima, quella delle ore 03:01, distrusse completamente Gibellina, Poggioreale, Salaparuta e Montevago; distrusse parzialmente Santa Margherita di Belice, Santa Ninfa, Partanna e Salemi; ingenti danni si ebbero anche a Menfi, Camporeale, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Sambuca di Sicilia, Sciacca, Vita, Calatafimi e Segesta.

 

Iniziò così uno dei più grandi esodi della storia italiana: migliaia di persone videro nella fuga, nell’emigrazione, l’unico modo di sopravvivenza.  Svizzera, Francia, Germania, Canada, Venezuela, Australia… le destinazioni preferite.

 

A 50 anni di distanza e a memoria di ciò nasce un libro, scritto da Franco Baldi, un volontario del Servizio Civile ora residente in Australia, e da Anna Maria Lo Castro, una volontaria nelle file della Croce Rossa già insegnante presso la scuola Alfamediale di Erice e residente a Trapani. Sono racconti, pensieri, ricordi, sensazioni e sentimenti di due ragazzi poco più che ventenni che si trovarono coinvolti in qualcosa di più grande di loro.

Quel tragico evento, ancora oggi, è indelebilmente fissato nella memoria della gente del Belice e degli innumerevoli emigrati che il sisma obbligò a lasciare il Paese.

 

Oltre all’inaugurazione della mostra fotografica, saranno letti brani tratti dal libro  “La tarantella del fango”  con recitazione scenica di due giovani studenti: Federica Agate e Vincenzo Lombardo.

 

La lettura sarà intercalata con proiezioni di filmati, documentari,  film brevi e interviste prodotti, per l’occasione, da Franco Baldi.

 

Saranno presenti gli autori per uno scambio di opinioni e vedute.

 

Detta ricorrenza, proposta in modo visibile e fruibile, è celebrata sia per i protagonisti dell’esodo che per le nuove generazioni. Ha lo scopo di ricordare agli uomini che essi sono capaci di trasformare un’esperienza nefasta in  una rinascita e che, dalle ceneri, può nascere un futuro nuovo.

Così è accaduto a migliaia di emigranti che, con il loro sacrificio, la loro fiducia, il loro lavoro, oggi sono diventati gli ambasciatori nel mondo della Regione Siciliana e, in particolare, della Valle del Belice.

 

Il presente è un invito rivolto a tutti per mercoledì 6 Giugno 2018 presso la Biblioteca Fardelliana di Trapani con inizio alle ore 18,30.

 

La mostra fotografica si protrarrà fino al giorno 7 luglio 2018 e sarà visitabile da lunedì a venerdì  ore 9,30- 13,30 e 15,00 – 19,30 (fino al 30 giugno); dal 1° luglio al 7 luglio solo in orario antimeridiano.